Resoconto European Cup

Ciao a tutti

Dopo un grande impegno ci si sente sempre svuotati. Non è solo il calo della tensione e quindi il relax conseguente , ti senti che manca qualche cosa e, anche se a 48 anni il senso del dovere è molto presente, ti accompagna uno stato di confusa e strana euforia, che impedisce il riavvio della solita routine.

Ecco, dopo aver vissuto un evento come il nostro, la routine, anche quella bellissima del falegname, risulta stretta perché hai girato a 1.000 , hai conosciuto tanta gente con la quale hai condiviso emozioni forti , sincere e genuine che ti hanno arricchito e migliorato ….. e allora?

Allora va molto bene così. Esattamente un anno fa abbiamo sognato l’europeo sul Penice ed ora abbiamo realizzato il sogno, piano piano, tra mille difficoltà ed anche contro noi stessi ci abbiamo sempre creduto e alla fine è successo più di quello che osavamo sperare : Il progetto penice si è ricompattato ed ha trovato preziosa collaborazione nelle associazioni amiche, i nostri ragazzi sono tornati a frequentare le piste, nuovi e motivati giovanissimi hanno addirittura partecipato all’europeo ed hanno vinto, i team italiani ed esteri sono arrivati in gran numero e tutti, ma proprio tutti si sono stradivertiti.

La gara di DH slalom è stata organizzata, condotta e partecipata alla grande: tracciatura , risalita in pulmino (4) , start ( mega race Marshall) , controllo di pista ( preziosissimi i giudici di porta) , arrivo, speaker (inimitabile Gigi con Adri ed Enrico ) e cronometraggio ottimi, gli atleti,correttissimi ,non si sono risparmiati e poco importa chi ha vinto, i primi sono tutti in una manciata di secondi che a mio avviso più che dividere uniscono.

La jem di free style ha regalato un’ora di forti emozioni, salti e figure una più bella dell’altra. In alcuni salti pareva il tempo si fermasse, in altri le figure erano tanto veloci e complesse da non capire bene cosa stava succedendo . Atleti di gran livello, con tanti giovani che crescendo miglioreranno tantissimo se stessi ed il mountainboard.

La serata del sabato ci ha unito davvero proprio tanto, ormai con la tensione della gara alle spalle e corroborati dagli ottimi piatti e bicchieri ci siamo lanciati sulla pista in tutti i sensi, accompagnati da due band simpatiche e coinvolgenti come poche.

La mattina di domenica, sotto un acquazzone che ci ha fatto apprezzare la tettoia costruita al volo giovedì scorso, si sono svolte le premiazioni. L’assessore allo sport della provincia di Pavia Francesco Brendolise, intervenuto sabato sera, ci ha lasciato i suoi saluti, mentre la consegna dei premi è stata fatta dal sindaco di Bobbio Roberto Pasquali e dal suo prezioso e simpatico assessore allo sport Rebecca Bergamini.

A fine cerimonia i partecipanti stranieri ed italiani ci hanno lasciato con un sorriso e un arrivederci al più presto, consapevoli di aver aggiunto un prezioso tassello alla grande famiglia del mountainboard.

Lunedì 4 agosto ci ha riservato una graditissima sorpresa con la nota in prima pagina ed un articolo a pagina intera sul giornale Libertà , un riconoscimento che soddisfa e rende orgogliosi tutti noi.

Ora è importante ricordare gli infortunati che, per fortuna, non hanno riportato serie conseguenze anche grazie al medico di gara (mitico Paolo), ed ai quali vanno i nostri auguri di pronta guarigione: Sara, Luca, Federico, Matteo e Pierre, vi vogliamo rivedere prestissimo in pista.

I ringraziamenti in dettaglio verranno scritti alla fine del mega video che Luca ci preparerà tra qualche settimana e che pubblicheremo ovunque, ora voglio ringraziare a nome personale tutti i miei associati che hanno contribuito in vario modo e titolo all’organizzazione: siete tutti persone meravigliose che mi onoro di chiamare amici.

A nome del Progetto Penice ringrazio per ora solo gli sponsor, i proprietari dei terreni ( senza di loro non esisteremmo), le associazioni amiche che ci hanno tanto aiutato ( Adolescere, Sci club monte Penice, Cà di Matt, Canoa club Bobbio, ragazzi di Santa Maria, pro loco Bobbio, coro Gerberto e Famiglia bubieiza) e tutti i team intervenuti : AMBG, MBS, POLONIA, SERBIA, FRANCIA ,SVIZZERA, REPUBBLICA CECA, UK, SLOVENIA.

Grazie , grazie ancora di cuore

Ciao a tutti

Marco

Novità

 

La preparazione dell’europeo da parte di tutti i soci del Progetto Penice e degli amici di MIA è ormai pressantemente quotidiana e , grazie alle segnalazioni dei partecipanti, riusciamo a migliorare molte iniziative.
Le ultime novità riguardano le categorie, i team esteri e udite udite: la graditissima partecipazione all’europeo del Penice Italia dell’attuale campione del mondo free style Matt Brind.
CATEGORIE: è stata aggiunta la nuova categoria BEGINNER per accogliere le richieste di tanti team che portano atleti agli esordi.
TEAM ESTERI: Solo per i Team esteri che iscrivono almeno 6 partecipanti uno è gratis . es 6 pagano in 5, 12 pagano in 10 , 18 pagano in 15 ecc ecc.
Sperando di fare cosa gradita a tutti i velocisti, dovremmo riuscire a montare in pista un misuratore di velocità in grado di rilevare la punta massima del tratto interessato.
Stay tuned e ciao
Lo staff dell’european mountainboard cup Italy
European’s preparation from all Progetto Penice associated and MIA friends is urgently daily and, thanks to partecipants warnings and advices, we are improving many initiatives.
Last news regards categories and foreign teams and (hear this!) the relished participation at European Cup of the actual free-style world champion Matt Brind.
CATEGORIES: there’s a new category, BEGINNER, in order to accept teams’ requests, that bring their atlethes at the debut.
FOREIGN TEAMS: only for that teams that enroll at least six partecipants, one participant does not pay.
e.g. 6 partecipants 5 payments, 12 partecipants 10 payments, 18 partecipants 15 payments etc.
Hoping we can make a good thing to all the sprinters, we could be able to put on the track a speed meter that can derive the maximum speed on the involved stretch.
Stay tuned. Ciao!
Europena Montainboard Cup Italy’s staff.